Alberto Stenico

Da non credere: nella provincia con il minor tasso di disoccupazione in Italia (4%), c’è un gruppo sociale, quello dei richiedenti asilo, col tasso di disoccupazione al 75%! Tenendo conto che siamo in estate, in alta stagione per il turismo e per l’agricoltura e che i richiedenti asilo sono per lo più uomini in giovane età, il dato è ancor più paradossale. Lo Stato e la Provincia, oltre che predisporre per loro una prima accoglienza consistente in un alloggiamento, il vitto e un “Taschengeld”, hanno autorizzato la loro iscrizione alle liste di collocamento e la possibilità quindi di un impiego regolare, a partire dal 60esimo giorno dalla presentazione della domanda di asilo. È chiaro che essere assunti non è facile: conoscenza della lingua, professionalità, pregiudizi sociali, ecc., ma in un mercato del lavoro di oltre 220.000 occupati, non può non esserci una possibilità di impiego anche per i nostri richiedenti asilo. E se questa possibilità continuasse a non esserci, vuol dire che qualcosa non funziona nel nostro sistema. Vuol dire che le politiche del lavoro e quelle dell’assistenza non interagiscono tra loro e non ci sono adeguate “condizionalità” nella erogazione di certe provvidenze. Vuol dire che le Istituzioni Pubbliche (Provincia) e Private (Sindacati e Imprenditori, Terzo Settore) non hanno ancora avviato le iniziative adeguate ad intaccare questa area anomala di disoccupazione, stimolando l’avvio al lavoro di centinaia di giovani, attualmente involontariamente inattivi e percettori passivi di prestazioni a carico dell’Ente Pubblico. Con uno sforzo comune e coordinato, in Alto Adige ce la potremmo fare. A meno che la partita non la vinca l’assistenzialismo, che come noto è il primo avversario delle politiche attive del lavoro. Questa volta ci sono tutte le condizioni per ribaltare il risultato: un posto di lavoro proprio con un reddito che da il via ad una vita autonoma dovrebbe poter battere un “vitto e alloggio” in regime di assistenza e senza prospettive. Dovrebbe. Se non lo batte e se continueremo invece a registrere a Bolzano tassi di disoccupazione del 75% tra i richiedenti asilo, vuol dire che abbiamo perso tutti. E avremmo fatto bel regalo alla logica assistenzialistica, alla economia illegale e alla crescente insofferenza di molti cittadini residenti verso le politiche di asilo e di immigrazione.
(www.albertostenico.it)

Nella classifica dei redditi dei lavoratori dipendenti in provincia di Bolzano, le badanti sono le ultime. Ci si potrebbe chiedere il perchè, vista la massima utilità sociale del loro lavoro, sperimentata in tante nostre famiglie. Read More

Sta crescendo giorno per giorno un nuovo popolo europeo, un popolo di persone che gode dei vantaggi della dimensione europea e che non tornerebbe mai indietro rispetto alle conquiste raggiunte. Non si tratta di un nuovo movimento politico, tantomeno lo si può classificare nelle categorie dei progressisti o dei conservatori, della destra o della sinistra. Read More

Davanti alle difficoltà di convivenza etnica in Alto Adige, qualche decina di anni fa si usava dire:”Finchè governerà la generazione cha ha vissuto la guerra, sarà difficile superare le diffidenze del passato. Saranno i giovani ad aprire nuove prospettive di convivenza tra italiani e tedeschi” Read More

Di quello che mangiamo nella nostra provincia, solo una minima parte può essere prodotta dall’agricoltura altoatesina: a noi serve molto di più in quantità ed in varietà. Perfino per le patate; ne consumismo 5 volte di più di quelle che produciamo. Read More